Glossario Energia

Chiaro e semplice come un vademecum, il Glossario Energia di Enegan

Problemi a leggere la bolletta? Consulta il glossario energia elettrica redatto da Enegan, è uno strumento rivolto proprio a te e a tutti i clienti finali, realizzato con l’obiettivo di rendere più comprensibili le terminologie utilizzate nei documenti di fatturazione.

L’Arera (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) ha messo a disposizione pubblica online un suo glossario che abbiamo scelto di implementare con alcune informazioni di base che potrebbero esserti utili.

Enegan è l’energia sostenibile e “perbene” e ha tra le sue priorità la tua corretta informazione, in linea con i propri principi di trasparenza, affidabilità, beneficio. Il tuo risparmio inizia da qui.

 

 

Quali termini conoscere del mercato energetico? Per te il nostro glossario, una selezione dei concetti più importanti

 

Le bollette, che siano del gas o della luce, prevedono la conoscenza di una terminologia energetica non sempre scontata. Per saperle interpretare correttamente – ed evitare dunque malintesi – è necessario apprendere o approfondire nozioni specifiche spesso sconosciute.
Qui di seguito analizzeremo alcune diciture proposte dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas che, con la liberalizzazione del mercato, è importante padroneggiare.

MERCATO LIBERO

Dal 1° luglio 2007, con la liberalizzazione del mercato dell’energia, i clienti hanno facoltà di scegliere da quale fornitore e a quali condizioni comprare l’elettricità. Nel mercato libero le condizioni economiche e contrattuali di fornitura sono concordate direttamente tra le parti e non fissate dall’Autorità: in questo caso, come per Enegan, le bollette riportano la scritta “mercato libero”.
Nel mercato del gas naturale, invece, la liberalizzazione è stata avviata dal 1° gennaio 2003. Anche in questo caso, le condizioni economiche e contrattuali di fornitura di gas naturale vengono liberamente concordate tra le parti.

SERVIZIO DI TUTELA

È il servizio di fornitura di gas con condizioni economiche e contrattuali stabilite dall’Autorità. È destinato ai clienti domestici e ai condomini con uso domestico con consumi annui non superiori a 200.000 Smc. Il cliente rientra ancora nel Servizio di tutela se non ha mai cambiato fornitore dopo il 31 dicembre 2002 o se ha scelto, fra le proposte del fornitore, quella a condizioni regolate.
Nel mercato dell’elettricità si parla di Servizio di maggior tutela, in cui le condizioni economiche e contrattuali sono sempre stabilite dall’Autorità. Si rivolge a clienti o piccole imprese che non hanno mai cambiato fornitore, o ne hanno nuovamente richiesto l’applicazione dopo aver stipulato contratti nel mercato libero con altri fornitori.

PUNTO DI PRELIEVO

Attivo nel servizio elettrico, è un codice composto da lettere e numeri che identifica in modo certo il punto fisico in cui l’energia viene consegnata dal fornitore e prelevata dal cliente finale. Il codice non cambia anche se si cambia fornitore.

PUNTO DI RICONSEGNA

Corrispettivo del Punto di Prelievo nel panorama del gas, è un codice composto da 14 numeri che identifica il punto fisico in cui il gas naturale viene consegnato dal fornitore e prelevato dal cliente finale. Il codice non cambia anche se si cambia fornitore.

TIPOLOGIA DI CONTRATTO

I contratti di fornitura di energia elettrica possono essere di più tipologie:

per “utenza domestica“, riferito a un cliente che utilizza l’elettricità per alimentare la sua abitazione e i relativi dispositivi (ad esempio le pompe di calore), i locali annessi o pertinenti all’abitazione, i punti di ricarica privata per veicoli elettrici, purché l’utilizzo sia effettuato con unico punto di prelievo per l’abitazione e i locali annessi;
per “utenza usi diversi“, riferito a un cliente che utilizza l’elettricità per usi diversi da quelli di cui al precedente punto (ad esempio per alimentare un negozio, un ufficio).
I contratti del gas, allo stesso modo, sono di diverse tipologie, a seconda che il punto di riconsegna sia riconducibile a:

“cliente domestico“, ossia una persona fisica, che utilizza il gas da un unico punto di prelievo (un solo PDR e un solo contatore) per alimentare un’abitazione;
“condominio con uso domestico“, ossia il punto di riconsegna che alimenta un intero edificio, diviso in più unità catastali. Il contratto può anche essere intestato ad una persona giuridica a patto che svolga le funzioni di amministratore del condominio e non sia una società che fornisce servizi di gestione calore o energia;
“utenza di servizio pubblico“, ossia un’utenza che utilizza il gas per alimentare una struttura pubblica o privata che svolge un’attività riconosciuta di assistenza, tra cui ospedali, case di cura e di riposo, carceri o scuole;
“usi diversi“, ossia un cliente, persona fisica o giuridica, che usa il gas per usi diversi da quelli precedentemente descritti.

TIPOLOGIA OFFERTA

È l’espressione commerciale per definire il contratto luce/gas offerto e scelto dal cliente (ad esempio Offerta Sincera, oppure Offerta Garantita).

TIPOLOGIA DI USO

È il tipo di utilizzo del gas, per la cottura dei cibi, per la produzione di acqua calda o per il riscaldamento (individuale o centralizzato). La distinzione è rilevante ai fini del calcolo dell’ammontare del bonus gas.

POTENZA IMPEGNATA

È il livello di potenza indicato nei contratti di energia elettrica (si parla di potenza contrattualmente impegnata). È definita in base alle esigenze del cliente al momento della conclusione del contratto, in funzione del tipo e del numero di apparecchi elettrici normalmente utilizzati. Per la maggior parte delle abitazioni, la potenza impegnata è di 3 kW.

DATA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Tanto per i contratti di energia elettrica che per quelli gas, è la data da cui decorre la fornitura alle condizioni previste dal contratto. Generalmente non corrisponde alla data di firma del contratto, ma a quella di primo avvio della fornitura o in cui avviene il passaggio da un fornitore ad un altro. Può riferirsi anche alla data da cui decorre un subentro o la voltura, o alla data di rinnovo del contratto.

PREZZI MONORARI, BIORARI, MULTIORARI

Il prezzo dell’energia, elettrica, può distinguersi in tre diverse tipologie. Il prezzo è detto monorario quando è lo stesso in tutte le ore del giorno; biorario quando varia in due differenti fasce orarie (F1 e F2+F3), multiorario quando varia in tre fasce orarie (F1, F2, F3).

POTENZA DISPONIBILE

Nei contratti di fornitura di energia elettrica è la potenza massima prelevabile, al di sopra della quale si interrompe l’erogazione dell’energia con lo scatto automatico del contatore.

Altre domande?
Scopri tutte le Faq

Se non hai trovato tutto ciò che cercavi puoi consultare immediatamente tutte le faq che abbiamo preparato. Abbiamo una risposta a ogni domanda!