Come leggere la bolletta della luce

Come leggere la bolletta della luce? Enegan ti aiuta con trasparenza e affidabilità

Alzi la mano chi sa cosa sia la “spesa per il trasporto e la gestione del contatore”. O ancora: “oneri di sistema”, “costo medio unitario”, “sintesi degli importi fatturati”. Niente paura, qui troverai tutte le informazioni utili che stai cercando sulla tua fornitura di energia elettrica.

Come leggere la bolletta della luce?

In primo luogo sottolineiamo che lo schema di ogni bolletta è stabilito dall’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente).
Inoltre, conoscere le diverse voci di spesa che costituiscono la bolletta è il modo migliore per capire come risparmiare.

La tua spesa può variare soprattutto in base all’offerta sottoscritta: Enegan mette a tua disposizione il servizio gratuito di consulenza dedicata, così da poter individuare l’offerta su misura per te.
Enegan è l’Energia Perbene, forniamo esclusivamente energia verde, derivante solo da fonti rinnovabili e per questo nella bolletta troverai anche l’indicazione di quante emissioni di CO2 hai risparmiato alla Natura. Il tuo contratto può davvero cambiare il futuro e aiutare alla salvaguardia del Pianeta!

 

Fac simile della bolletta, le informazioni dettagliate

Passa il mouse o clicca sui numeri in verde per approfondire la sezione che ti interessa.


0Nella parte superiore della tua bolletta trovi le seguenti informazioni:
– a sinistra, il marchio Enegan Luce, Gas e Tlc;
– a destra, alcuni dati identificativi di Enegan S.p.A. quali: la sede legale, le sedi operative, il C.F e la P.IVA, l’ammontare del capitale sociale, il numero di iscrizione alla Camera di Commercio e l’indirizzo del nostro sito internet.

1In questa sezione trovi tutti i recapiti ai quali puoi contattarci: il numero verde, il numero per chiamate da cellulare, l’indirizzo internet di Enegan ed i contatti per chiedere informazioni e presentare reclami per iscritto.
2Se non opti per l’invio della fattura a mezzo mail, in questa sezione trovi il recapito dove riceverai le tue bollette. Tale indirizzo potrebbe essere diverso dal luogo di fornitura.
3In questa sezione trovi il tuo codice fiscale ed il tuo codice cliente.
4In questa sezione trovi i dati identificativi della tua fattura e l’eventuale indirizzo mail al quale la bolletta è inviata.
5In questa sezione trovi il riepilogo suddiviso per voci degli importi fatturati e oltre a quelle sotto indicate può contenere:
– Ricalcoli: che comprende gli importi fatturati a debito o a credito al cliente, è presente in bolletta solo se si sono verificati ricalcoli per: una modifica dei consumi (ad esempio una ricostruzione dei consumi per malfunzionamento del contatore o un errore nel dato di lettura comunicato dal distributore); oppure una modifica dei prezzi applicati (ad esempio legati a specifiche sentenze del Tribunale amministrativo).
– Bonus sociale:Comprende gli importi accreditati ai clienti che hanno richiesto il bonus. È uno strumento introdotto dal Governo e reso operativo dall’Autorità, con la collaborazione dei Comuni, per garantire alle famiglie in condizione di disagio economico un risparmio sulla spesa per la fornitura di energia elettrica. Il bonus sociale elettrico è previsto anche per i casi di disagio fisico, cioè per i casi in cui una grave malattia costringa all’utilizzo di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita.

5aSpesa per la materia energia
Comprende gli importi fatturati relativamente alle diverse attività svolte da Enegan per fornire l’energia elettrica al cliente finale.

5bSpesa per il trasporto e la gestione del contatore e spesa per oneri di sistema
Tale voce include:
– gli importi sostenuti per le attività di trasporto dell’energia elettrica sulle reti di trasmissione nazionali, di distribuzione locale e per l’attività di misura che comprende anche la gestione del contatore. Il livello della spesa per tali attività è definito dall’Autorità, sulla base di criteri uniformi su tutto il territorio nazionale, tenendo conto dei costi sostenuti per tali attività.
-i corrispettivi destinati alla copertura di costi relativi ad attività di interesse generale per il sistema elettrico pagati da tutti i clienti finali del servizio elettrico, suddivisi in: oneri generali relativi al sostegno delle energie rinnovabili ed alla cogenerazione di impianti CIP 6/92; rimanenti oneri generali destinati a: incentivazione della produzione di energia elettrica degli impianti CIP 6/92 alimentati da rifiuti non biodegradabili; messa in sicurezza del nucleare e misure di compensazione territoriale; copertura delle agevolazioni tariffarie riconosciute per il settore ferroviario; sostegno alla ricerca di sistema; copertura del bonus elettrico (che però viene rimborsato ai clienti cui è stato riconosciuto il bonus sociale); integrazioni delle imprese elettriche minori e promozione efficienza energetica. Gli oneri generali relativi al sostegno delle energie rinnovabili ed alla cogenerazione di impianti CIP 6/92 sono pagati in maniera differenziata tra imprese a forte consumo di energia elettrica e gli altri clienti, mentre i rimanenti oneri generali sono pagati indifferentemente da tutti i clienti del sistema elettrico.

5cComprende gli importi eventualmente addebitati/accreditati al cliente finale per oneri diversi rispetto a quelli relativi alla Spesa per la materia energia, alla Spesa per il trasporto e la gestione del contatore e alla Spesa per oneri generali. A titolo di esempio, possono essere comprese nelle Altre partite gli interessi di mora, l’addebito/restituzione del deposito cauzionale, gli indennizzi automatici, i contributi di allacciamento, il corrispettivo CMOR.
5dIn questa sezione trovi le voci relative all’imposta di consumo (accisa).
L’accisa si applica alla quantità di energia consumata. I clienti domestici con potenza fino a 3 kW godono di aliquote agevolate per la fornitura nell’abitazione di residenza anagrafica.

6In questa sezione trovi:
l’importo totale da pagare (IVA inclusa) e la relativa data di scadenza;
l’indicazione delle modalità di pagamento;
le coordinate bancarie presso cui effettuare il pagamento.

7In questa sezione trovi l’imponibile e l’imposta sul valore aggiunto (IVA).
L’IVA si applica sull’importo totale della bolletta. Attualmente, per le utenze domestiche, è pari al 10%. Per le utenze non domestiche è attualmente pari al 22%. Alcune attività beneficiano di una aliquota ridotta pari al 10%.

8In questa sezione trovi evidenza di bollette precedenti, eventualmente non pagate.
8aIn questa sezione è indicata la finestra temporale mensile entro cui puoi comunicarci la tua autolettura

9In questa sezione trovi:
-POD: è il codice alfanumerico nazionale di 14 caratteri che identifica univocamente il punto di prelievo;
-l’indirizzo di fornitura che può non coincidere con l’indirizzo a cui le bollette sono recapitate;
– informazioni relative ai recapiti per il servizio guasti elettrici

10In questa sezione trovi:
– il nome dell’offerta commerciale che hai scelto;
– l’indicazione della tipologia cliente che può essere: a. domestico residente qualora la fornitura sia associata alla abitazione di residenza; b. domestico non residente qualora la fornitura sia associata ad altra abitazione diversa da quella di residenza; d. altri usi qualora la fornitura sia destinata ad usi diversi da quelli abitativi;
– la data di attivazione della fornitura che non coincide con la data di sottoscrizione o con la data di conclusione del contratto;
– la potenza contrattualmente impegnata ossia quella che è stata richiesta all’atto di stipula del contratto di fornitura;
– la potenza disponibile ossia la massima potenza prelevabile senza essere disalimentati;
– la tensione a cui viene erogata la fornitura;
– informazioni sull’erogazione del bonus sociale: solo nel caso in cui tu sia un soggetto avente diritto, viene indicata l’informazione che la tua fornitura è ammessa alla compensazione della spesa e il mese e l’anno entro il dovrai effettuare la richiesta di rinnovo.

11In questo box trovi i dati relativi alle letture e ai consumi per il periodo sopra indicato. In particolare:
– totale kWh energia fatturata: sono i kilowattora (kWh) fatturati nella bolletta per il periodo di competenza;
– il tipo di lettura: che può essere “Rilevata”(è la lettura effettiva corrispondente al numero che compare sul display del contatore ad una certa data (data di lettura di norma coincidente con l’ultimo giorno del mese), viene rilevata direttamente dal distributore, “Autolettura” o “Stimata”
– i consumi articolati per fascia oraria: Il dettaglio delle letture e dei consumi è distinto nelle diverse fasce orarie;
– dettaglio dello sconto eventualmente applicato;

12In questa sezione trovi un dettaglio delle imposte (Accise ed IVA) ed il relativo criterio di determinazione.
13In questa sezione trovi una tabella che specifica il consumo fatturato, a sua volta suddiviso per fasce F1, F2, F3. Se la tua fornitura è attiva da un periodo inferiore ad un anno, il consumo viene riportato a decorrere dalla data di inizio della fornitura. È il livello massimo della potenza effettivamente da te prelevato in ciascun mese, come rilevato dal tuo contatore. Tale informazione può consentirti di compiere scelte più consapevoli ed informate sul livello di potenza contrattualmente impegnata ottimale.

 

Cos’è la spesa per la materia energia?

Comprende gli importi fatturati relativamente alle diverse attività svolte dal venditore per fornire l’energia elettrica al cliente finale.
Il prezzo è composto da una quota fissa (€/anno), che si paga per avere un punto di consegna attivo, anche in assenza di consumo e, nel caso dell’elettricità, qualunque sia la potenza impegnata, e una quota energia (€/kWh), che invece si calcola in proporzione al consumo .

Cosa si intende per spesa per il trasporto e la gestione del contatore?

Comprende gli importi fatturati per le diverse attività che consentono ai venditori di consegnare ai clienti finali l’energia elettrica. Il prezzo è composto da una quota fissa (euro/anno), da una quota potenza (che si paga in euro/KW/mese in proporzione alla potenza impegnata, anche in assenza di consumo di energia) e da una quota energia (euro/kWh).

Cosa sono le spese per oneri di sistema?

Si tratta degli importi fatturati per coprire i costi relativi ad attività di interesse generale per il sistema elettrico. Sono costi fissatidall’ARERA trimestralmente.