FAQ

In quest’area, diamo risposta alle domande frequenti relative al mondo Enegan, al mercato dell’energia elettrica e gas naturale e ai pagamenti delle bollette.

icon-faq-luceicon-faq-gasFAQ Luce e Gas

Spazio Riservato
Che cos’è il Mercato Libero?

Secondo quanto previsto dall’Unione Europea, da alcuni anni in Italia, come nel resto dei Paesi del continente, ogni consumatore domestico e non domestico può liberamente decidere da quale venditore e a quali condizioni acquistare energia elettrica e gas.

Chi esercita questo diritto entra nel cosiddetto “mercato libero”, dove è il cliente a decidere quale venditore o tipo di contratto scegliere e quando eventualmente cambiare selezionando un’offerta che ritiene più interessante e conveniente. Si tratta di una scelta volontaria, che non prevede alcun obbligo. Enegan è un fornitore di energia elettrica e gas nel mercato libero.

Perché dovrei cambiare fornitore e scegliere Enegan?

Perché Enegan è un operatore esperto e competente nel mercato libero dell’energia elettrica e del gas naturale che da sempre mira ad avere un rapporto privilegiato con il cliente.

Con la consulenza dedicata, Enegan ti offre la sicurezza di poter scegliere la tariffa più adeguata alle tue esigenze di consumo.

Quali sono i servizi che Enegan offre ai propri clienti?
Enegan ti offre la sicurezza di esperti specializzati e sempre aggiornati, pronti a soddisfare le tue esigenze sulla fornitura di energia elettrica e gas naturale.
Cambiare fornitore comporta interruzioni nella fornitura di energia elettrica?
Cambiare fornitore e scegliere Enegan è semplice. Il passaggio dal precedente fornitore ad Enegan non comporterà alcuna interruzione e/o riduzione nell’erogazione della fornitura. La comunicazione del recesso al tuo attuale fornitore sarà effettuata da Enegan senza necessità da parte di tua di alcuna comunicazione. A te lasciamo solo la scelta!
Per passare ad Enegan è necessario cambiare il contatore?
No. Per passare ad Enegan non è necessario alcun intervento tecnico sul tuo contatore. Il contatore, anche detto gruppo di misura, è di proprietà del distributore ed è per tale ragione che le operazioni di intervento sul medesimo (ad esempio sostituzione) e le operazioni di misura stesse sono effettuate direttamente dal distributore. Infatti, non appena il distributore rende disponibili i tuoi dati di misura Enegan provvede ad utilizzarli per la fatturazione.
Chi devo contattare in caso di guasto sulla rete?
In caso di guasto sulla rete elettrica contatta il tuo Distributore Locale al numero riportato nella sezione immediatamente precedente a quella delle “Caratteristiche commerciali e tecniche della fornitura oppure per conoscere il numero per la segnalazione guasti clicca qui
Chi devo contattare in caso di fughe di gas, interruzione o irregolarità nella fornitura di gas naturale?
In questo caso contatta immediatamente il numero del pronto intervento per segnalazione di fuga di gas, irregolarità o interruzione della fornitura. Il numero è gratuito ed attivo 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno. Trovi il numero del pronto intervento in ogni tua bolletta oppure qui: clicca qui
In caso di black out elettrico, la responsabilità è di Enegan?
No. La responsabilità è di chi gestisce la trasmissione e la distribuzione dell’energia elettrica, ovvero Terna per la rete di trasmissione nazionale e il Distributore locale per la rete di distribuzione locale.
Cosa sono i codici POD e PDR?

Il POD (Point of Delivery) è il codice identificativo della fornitura di energia elettrica e serve a individuare il punto di prelievo dell’energia su tutto il territorio nazionale. Il Codice POD inizia sempre con IT, è un codice alfanumerico composto da 14 caratteri e lo trovi indicato nella seconda pagina della tua bolletta sintetica con il relativo indirizzo di Fornitura (prima della sezione caratteristiche commerciali e tecniche). Il codice POD non cambia anche se cambi fornitore.

Il PDR (Punto di Riconsegna) è il codice che identifica la fornitura di gas. Il PDR si compone di 14 caratteri numerici, lo trovi indicato nella seconda pagina della tua bolletta sintetica con il relativo indirizzo di Fornitura (prima della sezione caratteristiche commerciali e tecniche). Il codice PDR non cambia anche se cambi fornitore.

Che cosa vuol dire Smc?

SMC è una sigla che sta per “Standard Metri Cubi” ed esprime la quantità di gas contenuta in un metro cubo a condizioni standard di temperatura (15 C°) e pressione (1.013,25 millibar, cioè la pressione atmosferica).

Il contatore misura il gas in metri cubi ma nella bolletta i consumi sono fatturati in Smc. Il Coefficiente C, infatti, è il Coefficiente di Conversione che converte il consumo misurato dal contatore, espresso in metri cubi, nell’unità di misura utilizzata per la fatturazione, cioè gli Standard metri cubi.

Cos'è il potere calorifico superiore (PCS)?

Il parametro PCS esprime il potere calorifico superiore convenzionale ed è differenziato per impianto e per anno termico. Il valore del PCS è indicato in tutte le fatture.

Il Parametro P si riferisce al Potere Calorifico Superiore Effettivo, cioè alla quantità di energia contenuta in un metro cubo di gas distribuito dal tuo Comune durante l’anno precedente.

Il Fattore Energetico Correttivo è dato dal rapporto tra il Potere Calorifico Superiore Effettivo e il Potere Calorifico Superiore Standard, pari a 38,52 MJ/mc

Come posso conoscere i dati tecnici della mia fornitura?
I dati tecnici della tua fornitura sono indicati nell’apposita sezione “Caratteristiche commerciali e tecniche” presente in ogni bolletta.
icon-faq-gasFAQ Gas
Spazio Riservato
Cosa significa mercato libero del gas?

È il mercato in cui le condizioni economiche e contrattuali di fornitura di gas sono concordate tra le parti e non fissate dall’Autorità per l’energia. Dal 1° gennaio 2003, i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore di gas naturale comprare il gas. Chi esercita questo diritto, entra nel cosiddetto “mercato libero”.

Che cos'è il P.D.R.?

È un codice composto da 14 numeri che identifica il punto fisico in cui il gas naturale viene consegnato dal fornitore e prelevato dal cliente finale. Proprio perché identifica un punto fisico sulla rete di distribuzione, il codice non cambia anche se si sceglie un fornitore differente.

Che cosa s'intende per tipologia d'uso?

È il tipo di utilizzo cui viene destinato il gas, ad esempio per la cottura dei cibi, per la produzione di acqua calda, per il riscaldamento individuale oppure centralizzato. Questa distinzione è sempre rilevante ai fini del calcolo dell’ammontare del Bonus gas.

Che cosa vuol dire smc?

SMC è una sigla che sta per “Standard Metri Cubi” ed esprime la quantità di gas contenuta in un metro cubo a condizioni standard di temperatura (15 C°) e pressione (1.013,25 millibar, cioè la pressione atmosferica).
Il contatore misura il gas in metri cubi, ma nella bolletta i consumi sono fatturati in Smc.

Cos'è il potere calorifico superiore (PCS)?

Il parametro PCS esprime il potere calorifico superiore convenzionale ed è differenziato per impianto e per anno termico. Il valore del PCS è indicato in tutte le fatture. Il coefficiente C è il coefficiente applicato su tutte le forniture con Gruppi di Misura non provvisti di apparecchiature per la correzione ai fini tariffari dei volumi misurati dalle condizioni di esercizio alle condizioni standard. Esso è utilizzato per passare dai metri cubi consumati ai metri cubi fatturati. Ricordiamo le fasce di consumo secondo la delibera AEEG ARG/gas159/08

icon-faq-pagamentiFAQ Pagamenti
Spazio Riservato
Come posso pagare la fattura?
  • Online, pagala comodamente da dove vuoi, basta un click PAGA ORA
  • SDD (SEPA Direct Debit), Autorizzazione di addebito diretto sul tuo conto corrente.                                                                                                                  Scegli la comodità e la semplicità addebitando in automatico l’importo delle tue bollette direttamente sul tuo conto corrente o carta di credito. Richiedilo contattando il nostro Servizio Clienti al numero 800 978 378
  • Bonifico bancario – IBAN IT 88 Y 06370 37800 000010001950 B.I.C./Swift: CRVOIT3V – presso Cassa di Risparmio di Volterra – Ag. Bassa riportando come causale il tuo codice cliente, il numero e la data della fattura.
  • Bollettino postale, compila un bollettino bianco presso l’ufficio postale con i seguenti dati:
    Intestato a Enegan S.p.A. | C/C 8911010. Nella causale ricordati di inserire il tuo codice cliente, il numero e la data della fattura
  • SisalPay, paga comodamente la tua bolletta in uno degli oltre 40.000 punti vendita SisalPay presenti in tutta Italia, tra bar, tabacchi ed edicole. Trova il punto SisalPay più vicino a te!
  • CBill – Puoi pagare la tua bolletta attraverso il servizio CBill, accedendo al tuo Internet Bank o altro canale messo a disposizione dalla tua banca, scegliendo la società Enegan Spa e, inserendo per il pagamento il codice di 18 cifre identificativo che troverai nel tuo bollettino allegato alla bolletta. Scopri le banche convenzionate sul sito di CBill.
Quanto tempo ho per pagare la fattura?
Il termine di scadenza della bolletta è indicato in prima pagina, nel riquadro principale.
Come posso richiedere la domiciliazione bancaria/postale per il pagamento delle bollette?
Hai la possibilità di pagare la bolletta domiciliando il pagamento su conto corrente bancario o postale: un modo rapido e senza inconvenienti. L’importo della fattura sarà addebitato direttamente sul conto corrente alla scadenza. Contatta il nostro servizio clienti per maggiori informazioni
Cosa succede nel caso di pagamento in ritardo di una bolletta?
Se paghi una bolletta dopo la scadenza, potremo addebitarti interessi di mora (calcolati in conformità a quanto previsto dall’Allegato A alla Deliberazione 301/2012/R/eel e s.m.i. e alla Delibera 229/2001 e s.m.i..) ed eventuali spese per l’invio di un sollecito di pagamento.
Come posso verificare lo stato del pagamento di una bolletta?

Da oggi, grazie a Solo Mia, la bolletta digitale di Enegan puoi controllare in ogni momento lo stato dei tuoi pagamenti. Basta accedere al link ricevuto via mail o sms ogni mese, e vsiitare la sezione Pagamenti. Scopri di più sulle funzionalità di SoloMia.

Oppure, qualora vuoi ricevere ulteriori informazioni sui pagamenti puoi contattarci ai recapiti indicati qui

Devo segnalare l’avvenuto pagamento di una bolletta scaduta?

Sì, è molto importante ricevere da parte tua comunicazione dell’avvenuto pagamento di una bolletta per cui hai effettuato il saldo successivamente alla scadenza indicata sulla stessa.

È sufficiente inviarci una comunicazione indicando il tuo codice cliente ed allegando copia della ricevuta di pagamento all’indirizzo mail contenziosi@enegan.it oppure al numero fax 0564/421314

Ho ricevuto una diffida o un SMS di sollecito di pagamento, cosa devo fare?

Se hai già pagato la bolletta, provvediamo noi a registrare il tuo pagamento. Il sollecito potrebbe essere stato generato prima dell’esecuzione del pagamento, puoi non tenerne conto.

Se invece non hai pagato la bolletta, dovresti provvedere prima possibile. Maggiore è il ritardo maggiori saranno le spese che ti verranno addebitate.

Ho ricevuto una raccomandata o una PEC di preavviso di sospensione/risoluzione del contratto di fornitura, cosa devo fare?
La diffida è una raccomandata senza ricevuta di ritorno e, se hai un indirizzo di posta elettronica certificata, può esserti inviata tramite PEC. Se hai ricevuto una diffida di pagamento con preavviso di sospensione per morosità/risoluzione del contratto di fornitura è necessario effettuare immediatamente il pagamento dell’importo sollecitato per evitare l’avvio di procedure di sospensione per morosità della tua fornitura.
Cosa succede se non pago entro i tempi indicati nella diffida-preavviso di sospensione/risoluzione del Contratto?

Se non provvedi al pagamento dell’importo indicato nella diffida- preavviso di sospensione della fornitura, potremo richiedere al Distributore della tua zona la sospensione della tua fornitura. Per quanto riguarda la sospensione della fornitura di Energia Elettrica, qualora sia tecnicamente possibile, la potenza del tuo contatore sarà ridotta al 15% di quella disponibile; e solo successivamente verrà effettuata la sospensione della fornitura.

Per quanto concerne, invece, la sospensione della fornitura di Gas, ti informiamo che qualora non sia possibile sospendere il servizio (ad es. perché il contatore non è accessibile al Distributore) richiederemo l’interruzione dell’alimentazione del Punto di Riconsegna (cd. Taglio della Colonna Montante) i costi dell’intervento saranno posti a tuo carico. L’intervento determinerà la risoluzione del contratto.

Qualora non sia possibile l’esecuzione dell’intervento suddetto di interruzione dell’alimentazione del PDR il contratto sarà cessato amministrativamente e la fornitura passerà al servizio di Default (FUI).

Vuoi saperne di più? Contattaci.